27 Gennaio - Giornata della memoria

Il 27 gennaio 1945 venivano abbattuti i cancelli del campo di sterminio nazista di Auschwitz e l'esercito dell’allora Unione Sovietica, grazie ad un accerchiamento complessivo realizzato ad ovest dalle truppe anglo-americane, liberava i prigionieri superstiti.

 

Ogni anno, in ricordo «dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti» (Legge n. 211 del 10 luglio 2000) si celebra la Giornata della memoria, per non dimenticare un capitolo della Storia tragico e terribile.

 

L’Ateneo partecipa alla celebrazione con una serie di contributi volti a ricordare e ad approfondire quella tragedia:

 

- il contributo del Preside della Facoltà di Facoltà di Scienze Economiche e Giuridiche Prof. Roberto di Maria: Il termine "razza" nell'art. 3 della Costituzione: il dibattito alla Costituente; 

 

- i contributi della Prof.ssa Anna Sereni con una presentazione dell’iniziativa ed una bibliografia di libri sul tema delle persecuzioni con una breve “Guida alla consultazione” , una scheda su “Ogni cosa è illuminata” un film sulla Shoah e sulla ricostruzione della memoria nelle nuove generazioni e una scheda sul sito archeologico polacco di Biskupin e sul tentativo nazista di cancellare le identità culturali; 

 

- il contributo del Prof. Rodney Lokaj con un racconto inedito: Storia di un ragazzino polacco, “ariano” suo malgrado;

 

- la bibliografia a cura della Biblioteca visualizzabile sull’Catalogo di Ateneo (OPAC)

 

- il convegno che si terrà  tra Aprile e Giugno organizzato dai docenti Proff. Lucia Corso, Daniele Caviglia e Anna Sereni con un incontro con Rav Pinhas Punturello sulla costituzione delle comunità ebraiche della Sicilia centrale in età tardoantica e medievale. Riflessioni sugli effetti della Shoah in Sicilia e processi attuale di ricostituzione delle comunità ebraiche nell’Italia meridionale;

 

- l'esposizione della mostra fotografica itinerante nel mese di aprile: Il fascismo e gli ebrei nella "guerra parallela". Africa italiana e Balcani (1939-1943). Tale mostra rappresenta uno dei risultati del progetto Remshoah finanziato dalla UE a cui ha preso parte il Prof. Daniele Caviglia nell'ambito dell'Unità di ricerca afferente alla Comunità Ebraica di Roma;

 

- Il contributo del Prof. Sergio Severino che all’interno dell’insegnamento di Istituzioni di sociologia ha previsto alcuni moduli e un corso monografico. Tra questi, un modulo, intitolato “Razze, etnie e nazioni” prevede l’analisi dei casi più eclatanti di discriminazione raziale (l’antisemitismo, il dilemma americano, l’apartheid, l’immigrazione verso l’Europa). Gli argomenti che verranno trattati all’interno del modulo: Ostilità nei confronti del popolo ebraico. Istituzione dei ghetti. Persecuzione nazista e Shoah. Questione ebraica e antisemitismo secolare. Negazionismo dell’olocausto. Theodor W. Adorno e la Scuola di Francoforte.

 

- I contributi di molti docenti che all’interno di altri insegnamenti analizzeranno il tema delle persecuzioni, della Shoah, dell’Ebraismo e dell’educazione, della giurisdizione internazionale penale e dei crimini internazionali.

 

Contatti

Università degli Studi di Enna "Kore" - Cittadella Universitaria 94100 Enna [email protected]

Numeri utili >>

I nostri uffici sono aperti con orario continuato:

Da lunedì a venerdì 8:30 - 18:00
Sabato 8:30 - 13:00

Follow us

Seguici sui canali ufficiali dell'Università, rimarrai aggiornato in tempo reale sul mondo Kore
Su Facebook, Twitter e gli RSS feeds.