Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

3.jpg

Regolamento

Regolamento didattico

 

Classe di laurea
L-11 Lingue e culture moderne   Nome del corso
Lingue e culture moderne   Facoltà del corso
Studi Classici, Linguistici e della Formazione

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo  Gli obiettivi formativi specifici da raggiungere che qualificano ed identificano il percorso formativo vertono sull'acquisizione di: 
1.solida competenza culturale, e linguistica, in due lingue di studio oltre l'italiano; 
2.competenze relative alle lingue-culture oggetto di studio, con particolare focalizzazione sulle rispettive letterature e sugli aspetti che tradizionalmente costituiscono la cultura "colta" (competenze storiche, filologiche, linguistico-diacroniche, socio-antropologiche)e sui cultural studies; 
3.conoscenze in ambito glottodidattico e pedagogico, con particolare riferimento alla pedagogia e alla didattica interculturale. 
4.competenze nel campo della progettazione, dell'organizzazione didattica e della valutazione in ambito scolastico ed extrascolastico; 
5.capacità di ricerca e di sperimentazione nell'ambito linguistico-culturale; 
6.capacità operative nei percorsi inclusivi degli stranieri, miranti a realizzare processi di integrazione e di reciproco riconoscimento delle diversità culturali; 
7.competenze nella messa in atto di politiche volte alla promozione dell'accoglienza e alla comprensione dei contesti culturali europei, asiatici e mediterranei.  
Conoscenze richieste per l'accesso •Titolo di studio secondario superiore che permetta l'accesso all'università, o altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo; 
•Una buona conoscenza della grammatica, della sintassi e del lessico dell'italiano; 
•Una conoscenza generale della storia e della geografia dei paesi in cui si parlano le lingue che si intende affrontare a livello universitario; 
•Per le lingue apprese nelle secondarie superiori italiane (inglese e francese, solitamente) si auspica un livello almeno di grado B1 secondo il Quadro di riferimento europeo in modo che lo studente possa realisticamente arrivare al C1 alla fine del triennio; 
•Per le lingue non apprese nelle secondarie superiori si richiede che l'allievo abbia un'idea generale della produzione culturale espressasi attraverso esse, affinché possa scegliere in maniera consapevole lo studio di tali lingue; 
•Una spiccata propensione a leggere ed ascoltare testi in lingua straniera, a frequentare, interagendo, ambienti multilingui e interculturali, quale fase propedeutica indispensabile a passare ad attività produttive in lingua straniera; 
•Prove di accertamento del livello d'ingresso degli studenti saranno effettuate all'inizio del primo anno di corso e accompagnarsi, ove necessario, ad attività formative che potranno prevedere valutazioni in itinere. 
•È prevista una verifica delle conoscenze richieste per l'accesso, che riguarderà nozioni di cultura generale nell'ambito delle scienze umanistiche e eventuali competenze teorico-pratiche nelle lingue prescelte. Costituirà pre-requisito la cognizione degli elementi linguistico-culturali delle lingue-obiettivo acquisiti e della cultura italiana contemporanea.
  Caratteristiche della prova finale La prova finale è costituita da una dissertazione scritta che il laureando presenterà al cospetto di una Commissione incaricata dal corso di laurea su una tematica culturale o specificamente linguistica, relativa ad una disciplina del corso di studi . Il laureando dovrà dimostrare adeguate capacità linguistiche, critiche ed espositive.
  Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati Primo sbocco è l'accesso alla laurea magistrale LM37, senza debiti, o ad altre lauree magistrali con debiti formativi.Conseguita l'abilitazione, il laureato potrà accedere all'attività di professore di scuola superiore di 1° grado e 2° superiore. Con o senza il titolo di dottore magistrale, il laureato potrà accedere ad attività in campo letterario, editoriale, artistico-culturale, di attenzione all'italiano come lingua straniera,a professioni quali: operatore nelle biblioteche, negli archivi, nelle sovrintendenze e nei musei; operatore nelle amministrazioni statali e nelle organizzazioni associative internazionali; addetto stampa; traduttore letterario; agente pubblicitario.  Il corso prepara alle professioni di:  •Specialista nelle pubbliche relazioni, dell'immagine e figure correlate; 
•Giornalista (previo superamento dei relativi esami per l'accesso all'ordine); 
•Esperto per il dialogo interculturale; 
•Operatore nel campo linguistico e del turismo.

Contatti

Università degli Studi di Enna "Kore" - Cittadella Universitaria 94100 Enna info@unikorestudent.it

Numeri utili >>

I nostri uffici sono aperti con orario continuato:

Da lunedì a venerdì 8:30 - 18:00
Sabato 8:30 - 13:00

Follow us

Seguici sui canali ufficiali dell'Università, rimarrai aggiornato in tempo reale sul mondo Kore
Su Facebook, Twitter e gli RSS feeds.